fh-logo_DATA MASTERS biaco L-01

L’intelligenza artificiale che crea serie a fumetti meravigliose

Novembre 22, 2022

The Bestiary Chronicles è sia una favola moderna sull’ascesa dell’intelligenza artificiale sia una testimonianza di quanto l’intelligenza artificiale si stia evolvendo incredibilmente velocemente.

La serie di fumetti con arte generata interamente dall’intelligenza artificiale è piena di immagini surreali e immaginifiche. The Bestiary Chronicles è una serie di fumetti in tre parti gratuita di Campfire Entertainment. Quello che la farà passare alla storia è che si ritiene essere la prima serie di fumetti realizzata con l’arte assistita dall’intelligenza artificiale.
Le immagini della trilogia sono sbalorditive, come se provenissero direttamente dalla mano di un esperto artista digitale.

The Lesson è il terzo fumetto della trilogia retro-futuristica di Campfire e tutti e tre sono disponibili per il download ora.

“Nelle profondità del sottosuolo, gli ultimi resti dell’umanità si riuniscono per conoscere i mostri che hanno distrutto il loro pianeta”, si legge in una descrizione di The Lesson. È in questo scenario che The Bestiary Chronicles utilizza l’intelligenza artificiale per creare umani e mostri incredibilmente fotorealistici.
I mostri sembrano figli dell’amore tra Godzilla e Vhagar e l’intero bestiario Chronicles è ora disponibile su PC, Mac e iOS.

L’arte assistita da algoritmi sembra fatta su misura per l’oscuro racconto distopico. Si appoggia ai tropi del film horror di fantascienza del 1960 Il villaggio dei dannati e di THX 1138, il film d’esordio di George Lucas del 1971. Il risultato finale è stato ottenuto naturalmente con l’aiuto di un team di artisti. “Stiamo assistendo alla nascita di uno strumento di visualizzazione completamente nuovo”, afferma lo scrittore Steve Coulson.

Precedentemente Campfire ha creato esperienze coinvolgenti per i fan per spettacoli come Ted Lasso, Westworld e Watchmen. I suoi fondatori hanno ideato The Blair Witch Project, basato su un romanzo di Neil Gaiman.

Midjourney è invece il servizio basato su Intelligenza Artificiale che trasforma rapidamente brevi frasi di testo, o “suggerimenti”, in immagini scansionando un gigantesco database addestrato sull’arte visiva dagli esseri umani.

In questo campo Dall-E e Stable Diffusion sono altri strumenti che consentono a chiunque di manifestare immagini dal testo in modi intriganti e talvolta inquietanti. The Bestiary Chronicles è un’odissea di fantascienza di 114 pagine sui mostri nati dall’arroganza tecnologica dell’uomo. Mette in mostra il notevole progresso di prodotti come Midjourney, che stanno producendo immagini sempre più sofisticate e raffinate. “Entro il nuovo anno, anche l’occhio allenato probabilmente non sarà in grado di percepire una generazione di IA da nessun’altra”, ha detto Coulson. “Non puoi rimettere il genio nella bottiglia, quindi stiamo abbracciando il futuro il più velocemente possibile”, afferma Midjourney. The Lesson, pubblicato il 1° novembre 2022, segna un chiaro passo avanti rispetto al primo fumetto della trilogia, Summer Island.

Sull’argomento si è espresso anche il CEO di Fine Arts Museums of San Francisco sostenendo che “la tecnologia sta cambiando il nostro mondo, con l’intelligenza artificiale sia una nuova frontiera di possibilità ma anche uno sviluppo carico di ansia”. L’intelligenza artificiale sta sollevando preoccupazioni etiche e sul copyright tra artisti e persino avvocati. L’AI che genera arte visiva, compone canzoni e persino scrive poesie e sceneggiature cinematografiche sta guidando parte di quell’ansia. Ma l’arte dell’intelligenza artificiale non viene creata dal vuoto, funziona assorbendo e ricostruendo l’arte esistente creata dall’uomo.

La domanda che ci si sta facendo sempre più spesso è: man mano che l’arte prodotta dalle macchine migliora, gli esseri umani si ritroveranno senza lavoro? Quando un’immagine generata dall’intelligenza artificiale ha vinto per la prima volta un premio d’arte a settembre 2022, alcuni artisti non ne sono stati contenti. “Stiamo guardando la morte dell’arte svolgersi proprio davanti ai nostri occhi”, ha scritto un utente di Twitter.

Coulson, un avido lettore di fumetti dall’età di 5 anni, è tra coloro che riflettono sulle complesse questioni sollevate dall’arte dell’intelligenza artificiale. Non pensa che strumenti come Midjourney sostituiranno i fumettisti che ama da tempo. “Non credo che sostituirà i fumetti”, dice. “Come strumento di visualizzazione per non artisti come me, è molto divertente”, dice. Tuttavia, vede Midjourney come il suo vero collaboratore in The Bestiary Chronicles, attribuendogli persino il merito dell’autore, paragonando il progetto all’improvvisazione jazz.

“I progressi nella generazione di immagini AI negli ultimi mesi sono stati esponenziali e strabilianti”, ha affermato Coulson. “

Pur avvalendosi della tecnologia, gli artisti hanno avuto l’ultima parola sulle immagini che sono arrivate alla versione finale. Hanno sperimentato i suggerimenti di testo e selezionato con cura le loro immagini finali tra le migliaia offerte da Midjourney.
Al team di Campfire è piaciuta la scelta stilistica “toni verde oliva, seppia e verde acqua su carta per acquerello” e hanno quindi usato spesso questo stile per dare alle immagini un effetto pittorico. Per The Lesson, ecco un esempio di come l’AI, ha usato la frase “futuristico bunker sotterraneo nello stile di J.C. Leyendecker” per produrre il perfetto rifugio retro-futurista.

Condividi articolo su

Data Masters S.R.L. | via Domenico Cotugno 49/a, 70124 Bari (Italy) Reg. Imprese di Bari REA BA-645770 | P.IVA: 08720980724 | Cap. Sociale: 20.000 € i.v.

Privacy Policy | Informativa trattamento dati